L'alieno

Molto carino, mi ricorda un racconto di Simak (immagino cle la pslla rossa sia una palla)

Hai troppa fantasia.
La pslla è la pslla…

1 Mi Piace

dà (con l’accento)

e il secondo “gli” si può omettere, volendo (salvo voler far capire che grida proprio in faccia a lui).


Correggi, lo sappiamo tutti che non era una pslla: quelle sono verdi, piramidali e senza tentacoli.

1 Mi Piace

Ho controllato, è vero.

Gli senza accento

Non è vero, secondo l’enciclopedia galattica, trentacinquesima edizione, una pslla è colorata, invisibile, incolore, insapore, rossastra, dotata di otto flagelli e trettordici tentacoli, uno per colore incolore. La forma è sferica piramidale oblunga, simmetrica rispetto tutti e quattordici gli assi orientati dello spazio tempo.

2 Mi Piace

Bravo!

La gente prima di parlare dovrebbe informarsi

Sì, confermo. Non è colpa mia se @Jabbafar non lo ha messo lo stesso, però.

Senti, parliamoci chiaro: La pslla non sventola bandiere, punto. Al limite può agitare le ali, ma di base solo in Giappone.

image

(adesso, questa tende al giallo, ma solo perché verdi non ne trovo, visto che questo è uno dei pochi che ha un typo nel titolo. D’altronde, non ero passato a correggere…)

1 Mi Piace

Caro @il_Babbano, mi scrive via neutrino-telex Tanja Zazzabubovskaja, ricercatrice a Trantor (credo lì sia l’anno 2440, ma non posso confermare perché è quasi l’ora di pranzo da loro e non vorrei disturbare).

Esimio direttore, vorrei puntualizzare alcune asserzioni piuttosto avventate pubblicate nell’edizione del 23 gennaio 2023 del Don’t Panic Gazette.
La pslla, è, come correttamente scritto in prima battuta, un essere incolore e insapore. E’ invece totalmente privo di fondamento l’affermazione che essa sia giallastra e di forma diversa da quella sferica piramidale oblunga, simmetrica rispetto tutti e quattordici gli assi. Questa idea è frutto di un equivoco che perdura dal secoli.

Questo infatti scrive mia zia, Ludmilla Zazzabubovskaja, dell’Universita Imperiale di Trantor, nello “studio comparato delle psallae” (Zazzabubovskaja et al, 2438):

La psalla è un essere multidimensionale. E’ stato il secondo essere di questo tipo scoperto dall’uomo, dopo la rete micellare. Essa esiste in tutte le 14 dimensioni dello spazio tempo.

Piccola digressione: riprendo, per voi che non l’avete frequentato, la spiegazione dal libro “Introduzione alle varietà differenziabili per l’asilo”, settima edizione, Edito dall’Allegro Editore di Trantor (AETRA), anno 2410.

Una varietà differenziabile \omega di dimensione 2 è rappresentabile nello spazio tridimensionale come una ciambella. Essa può essere proiettata sullo spazio bidimensionale, producendo diverse figure disegnabili, che possono essere anche molto diverse a seconda dell’asse di proiezione. Ad esempio la ciambella proiettata verso l’asse sagittale (z verticale per esempio) risulta una coppia di cerchi concentrici, mentre se proiettata verso l’asse mediale (x o y orizzontali), risulta una coppia di cerchi disgiunti. Questo perché una proiezione di una m-varietà differenziabile n-dimensionale su uno spazio (n-1)-dimensionale ha infinite rappresentazioni che sono q-varietà differenziabili a loro volta, con q \le m.

Tornando allo studio:

L’espressone fisica, 3-dimensionale, della pslla è nota da tempo. Essa è stata, ad esempio, descritta per la prima volta nel 1955 (psalla japonica) quando, per l’inciso, ancora si pensava che lo spazio-tempo avesse 4 dimensioni, e gli uomini ancora risolvevano i propri conflitti lanciando escrementi all’avversario[1].
Quello che gli antichi(sic!) chiamavano psalla altro non è che la proiezione tri, o al massimo quadri, dimensionale di una psalla 14-dimensionale.
La pslla ha infinite proiezioni tridimensionali. Come per il famoso donut, dipende dal’asse di proiezione. Una pslla può svegliarsi al mattino dopo una cattiva digestione e apparire al mondo tridimensionale giallastra, quando giusto il giorno prima era piramidale oblungo-sferica semplicemente perché ha dormito di gusto.
[…]Nel nostro studio abbiamo studiato per 2 anni una pslla in cattività, somministrando diversi tipi di alimentazione, dal semolino alla peperonata. Ogni giorno si sono acquisite le immagini della psalla in cattività. Per ovviare all’impossibilità di contenere un oggetto 14-dimensionale all’interno di una scatola 4-dimensionale, si è utilizzata una bottiglia magnetica di contenimento, utilizzando il locale reattore a fusione fredda e-Dog, di proprietà dell’Allegra Compagnia Energetica di Trantor (A-CETRA) cui gli autori desiderano inviare i propri ringraziamenti (così come alle 1200 famiglie che per due anni hanno rinunciato all’energia elettrica… “ehi guys, questo risultato è anche vostro, yeah!”).
[…]Utilizzando tecniche di ricostruzione dell’immagine (FBP, Filtered Back-Orifice Projection), la matrice risultante dalle 88330 immagini è stata ridotta ad una matrice irriducibile di Rango 14, dimostrando così l’essenziale 14-dimensionalità dell’essere.
La pslla quindi appare gialla “a volte”, mentre in essenza è colorata, invisibile, incolore, insapore, rossastra, dotata di otto flagelli e trettordici tentacoli, uno per colore incolore. La forma è sferica piramidale oblunga, simmetrica rispetto tutti e quattordici gli assi.
L’effetto cromatico è dovuto allo shifting frequenziale nel trasferimento dalle 14 alle 3 dimensioni. La riduzione idempotente iso-matriciale dello spettro fa sì che sull’asse per cui la psalla appare “japonica”, essa risulti gialla. Si narra che sotto luce polarizzata monocromatica a frequenza esatta e sotto la corretta umidità relativa e pressione armosferica, la psalla japonica possa apparire verdastra, ma non c’è prova fotografica della reale esistenza di questo effetto, per cruccio di molti ricercatori del mondo antico.
[…] La natura matematica della forma esatta della psalla è ancora fonte di acceso dibattito. Secondo alcuni (Kermonov et al. 2436, Al et al. 2431) essa sarebbe una varietà differenziabile di dimensione 1, e in quanto tale topologicamente non ha buchi. Infatti la psalla non mangia e non caga.

Tanto vi dovevo.
Tanja Zazzabubovskaja.

PS: le virgole su Trantor sono state abolite nel 2333, quindi mi scuserete, se, per, caso, potrei, averne, abusato., :, …


  1. la scienza storiografica ha subito un durissimo colpo per la crisi illuministica del 2118. ↩︎

1 Mi Piace

La risposta mi sembra poco esaustiva e comunque io lo sapevo

1 Mi Piace

Racconto va diretto nel blog. Vero hc?

Dici che ne vale la pena?

2 Mi Piace

Altroché! Ma tanto Tanja lo sa che è già lì, anche se tu no

Non ho scelta allora.

C’è mai stata?

Mi e’ venuta una idea malsanissima.

Tranquillo tengo io il babbano

Tu picchia duro

Assolutamente

Yuhu! Carta bianca al Ministro! Non voglio neanche sapere cosa è, preferisco pentirmene dopo!

No no no no niente idee. Facciamo finta che e’ come dice il Jabba. Non ho tempo per seguire tutte le idee che mi vengono in mente.

Non lo sai che non bisogna abusare del cappello pensatore?

Eccolo!

Per quanto, decontestualizzato non mi sembra così divertente… insomma.
Nel mentre ho scoperto che è possibile collegare un blog al forum. In questo modo, si implementerebbe il sistema di Notizie/commenti che manca qui.

Appena ho risolto il problema di Hugo con i tag HTML embedded, implemento anche i commenti al blog che arrivano direttamente qui. Che fico!